Il progetto “CARLO PIAGGIA”

L’attività di Carlo Piaggia in Africa è stata veramente lunga e il materiale da lui prodotto notevole e in quantità considerevoli. Fino ad allora la produzione di volumi e libri di studio relativi a Carlo Piaggia era stata vasta e variegata, soprattutto possibile grazie all’impegno di appassionati esperti come Antonio Romiti e Giorgio Tori, che con sacrifici vari riuscirono caso per caso a far finanziare la stampa per le loro ricerche.

Purtroppo a questo meritevole impegno, sviluppatosi in molti anni di studi, non era stato possibile fino ad allora far seguire una produzione che riassumesse in maniera organica e definitiva tutti i lavori su Carlo Piaggia che risultarono così estremamente frammentati.

Gli elementi già in possesso del ricercatore Luca Lupi, direttore della collana Explora di Tagete Edizioni di Pontedera, e le potenziali fonti dove poter reperire materiali di studio e documenti vari, se opportunamente recuperati e organizzati,  avrebbero potenzialmente permesso di realizzare una monografia riepilogativa e “definitiva” dei lavori precedenti con integrazioni e aggiornamenti di alto valore storico e documentale.

In considerazione della natura storica della ricerca, le monografia pubblicata avrebbe dovuto essere quanto più possibile ricca di documenti individuati ed acquisiti dai principali archivi storici in Italia ed all’estero. Inoltre anche per la sua natura geografica la futura pubblicazione doveva avere un utilizzo cospicuo di cartografie dell’epoca e carte con una precisa visualizzazione delle aree d’interesse e gli itinerari percorsi che avrebbero arricchito molto l’apparato iconografico.

Il progetto (2013)

Il progetto presentato all’Istituto Storico Lucchese da Luca Lupi e Michele Quirici di Tagete edizioni di Pontedera si proponeva di realizzare una grande monografia riepilogativa sull’esploratore lucchese Carlo Piaggia Un volume in qualche modo da considerarsi “esaustivo” che assemblasse i lavori fino ad oggi pubblicati, ampliandoli ed integrandoli con nuovi ricerche, notizie e documenti. Il volume doveva avere come caratteristica un imponente apparato iconografico a colori consentendo una lettura dei documenti e delle carte fino ad allora mai realizzata.

Gruppo scientifico di lavoro

Nel gruppo di lavoro, oltre ai coordinatori, sono previsti tutti gli studiosi che ad oggi a vario titolo hanno lavorato e prodotto ricerche su Carlo Piaggia.

Consulenti scientifici esterni:

Grazie alla lunga esperienza accumulata con le pubblicazioni della collana Explora, avendo instaurato una serie di rapporti con i massimi esperti del settore storico e geografico, dopo un rapido giro di consultazioni, subito garantirono il loro contributo scientifico, nonché all’occorrenza anche interventi scritti sulla pubblicazione su Carlo Piaggia.

Il lavoro (2013 -2017)

Il lungo lavoro di ricerca è durato 4 anni. In questi anni è stato raccolto, studiato interpretato e organizzato una impressionante mole di documenti recuperata in Italia e all’estero:

  • Archivio di Stato di Lucca
  • Biblioteca Statale di Lucca
  • Istruzione Superiore N. Machiavelli di Lucca, Lucca
  • Museo Comboniano di Lucca
  • Biblioteca Nazionale, Firenze
  • Biblioteca Labronica, Livorno
  • Museo di Antropologia e Etnologia, sezione del Museo di Storia Naturale dell’Università di Firenze (MAE)
  • Museo Archeologico Nazionale Umbro, Perugia
  • Museo Civico di Storia Naturale – Giacomo Doria, Genova
  • Museo Storico di Zoologia di Torino
  • Museo Civico di Storia Naturale di Verona
  • Società Geografica Italiana, Roma
  • Archivio Ministero Esteri, Archivio Storico Diplomatico, Roma
  • Istituto Italiano per l’Africa e l’Oriente (ISIAO), Museo Africano, Roma
  • Museo Nazionale Preistorico Etnografico “Luigi Pigorini”, Roma
  • Società Geografica Egiziana de Il Cairo (Egitto)
  • Royal Gegraphical Society, Londra
  • Società Geografica Tedesca, Berlino

solo per citare i principali, ma  anche il altre strutture e archivi privati.

La stampa (2017)

Dopo il metodico lavoro di impaginazione grafica effettuato da Cristina Vennero, guidata da Luca Lupi, Michele Quirici e Giorgio Tori, finalmente l’opera è andata in stampa nelle rotative dell’Industria Tipografica Bandecchi & Vivaldi di Pontedera. La realizzazione è stata possibile grazie al fondamentale grande contributo della

Fondazione della Cassa di Risparmio di Lucca che ha coperto interamente i costi della stampa e della rilegatura mentre Tagete edizioni  quelli dell’impaginazione e del coordinamento editoriale.

A fine maggio 2017 l’opera era stampata e rilegata in due volumi di grande formato cm 23,5 x 27,5 di 2040 pagine complessive. Dell’opera dal titolo “Carlo Piaggia e le sue esplorazioni africane (1851-1882)” furono realizzate due versioni, una in brossura e l’altra cartonata con cofanetto).

               

I volumi della collana Explora godono del prestigioso patrocinio della Società Geografica Italiana. 
Le presentazioni

Dopo la stampa furono organizzate una serie di presentazioni pubbliche dell’opera:

Consegna dei volumi su Carlo Piaggia a Sid Amhed Hamid, Primo Segretario dell’Ambasciata del Sud Sudan a Roma

 

La spedizione in Sudan (2015- 2021)

<< Si tratta di un progetto pluriennale del club per l’UNESCO di Lucca afferente al settore delle scienze sociali dell’UNESCO avviato dal past presidente del Club per l’UNESCO di Lucca Prof. Giorgio Tori curatore di alcuni articoli all’interno del volume condiviso dall’Amb. Nuraldin Satti, già ministro degli affari esteri in Sudan, e attuale Membro del Consiglio di Amministrazione del fondo Internazionale per la Promozione della Cultura UNESCO e da Fabrizio Lobasso Ambasciatore Italiano in Sudan. Nel mese di settembre (2018) si intende proseguire il progetto presentando nella capitale del Sudan questo prezioso lavoro con l’apposizione di una targa all’interno della The Future University di Khartum in ricordo di Piaggia caro al popolo del Sudan quanto ai lucchesi. Grazie alle visite guidate e alle conversazioni con gli esperti in questa tre giorni si potrà davvero comprendere un pezzo dell’anima del popolo africano e apprezzarne usi e costumi >>

Nell’ambito delle iniziative volte a valorizzare la figura di Carlo Piaggia in Italia e all’estero, Luca Lupi propose all’Istituto Storico Lucchese di realizzare due targhe commemorative in Italiano e arabo da posizionare nel luogo di morte di dell’esploratore e a nella capitale sudanese in un luogo opportuno. L’idea fu subito sposata dal prof. Giorgio Tori, che entusiasta si fece portavoce presso la Fondazione della Cassa di Risparmio di Lucca riuscendo ad ottenere un finanziamento mentre il comune di Capannori finanzio la spesa per la realizzazione delle targhe. Fin dal 2015 iniziammo una serie di trattative con le autorità locali, i comboniani presenti in Sudan e l’ambasciata italiana. Fu anche coinvolto l’operatore turistico I Viaggi di Maurizio Levi presente in Sudan da tempo e disponibile ad organizzare la logistica della spedizione. Purtroppo vicende politiche interne al Sudan (colpo di stato, proteste, tensioni etc..) hanno lungamente fatto rimandare la data di partenza e in seguito la diffusione della pandemia del virus covid-19 bloccarono il progetto.

   

Un volume più agile

Dal 2021 Lupi e Tagete edizioni creano una nuova sezione “Esploratori Italiani” della collana Explora con volumi di agile formato e splendida iconografia, estratti di grandi ricerche monografiche e destinati ad una più ampia divulgazione dei personaggi. Il primo volume pubblicato a maggio 2022 insieme a Michele Quirici, Carlo Piaggia. Dalla Lucchesia all’Africa (1851-1882)“  è figlio della grande ricerca sul personaggio pubblicata nel 2017 e nasce con l’intento di diffondere il più possibile questa figura, soprattutto tra i giovani delle scuole del territorio luogo di origine dell’esploratore toscano.

Con la conferenza stampa del 23 maggio 2022 tenutasi nel comune di Capannori è stato presentato il volume alla presenza dell’assessore alla cultura Francesco Cecchetti, il consigliere  della Fondazione Banca Del Monte di Lucca Lamberto Serafini, la dirigente dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Lucca e Massa Carrara, Donatella Buonriposi e gli autori Luca Lupi  e Michele Quirici.

Youtube. link presentazione 

Noitv: link articolo e video presentazione 

Il libro, composto da 200 pagine, è il primo volume della nuova sezione della collana ‘Explora’ di Tagete Edizioni e nasce come sintesi della monumentale pubblicazione monografica del 2017 intitolata “Carlo Piaggia e le sue esplorazioni africane, 1851-1882″ con l’intento di diffondere il più possibile la figura dell’esploratore capannorese. Ricco di contenuti, ma agile, e quindi adatto all’uso scolastico, si caratterizza per una struttura leggera che riassume tutta la vita africana di Carlo Piaggia, le sue grandi scoperte geografiche ed antropologiche.

I volumi saranno consegnati alle scuole superiori del territorio provinciale dall’Ufficio Scolastico Territoriale. E’ prevista la distribuzione di un certo quantitativo di libri per classe per le quarte e le quinte. Per quanto riguarda il liceo scientifico ‘E.Majorana’ di Capannori, che si trova sul territorio che ha dato i natali a Carlo Piaggia, grazie ad un contributo del Comune i volumi saranno consegnati a tutti gli studenti degli ultimi due anni.

Il volume in questione è stato realizzato contributo fondamentale della Fondazione Banca del Monte di Lucca e col contributo del Comune di Capannori. Anche questo volume come tutta la collana Explora gode del patrocinio della Società Geografica Italiana.  

Siamo convinti che anche questa pubblicazione, più snella, per le caratteristiche di maggiore diffusione dovuta al suo formato, possa contribuire ad una migliore conoscenza pubblica dello straordinario esploratore che è stato Carlo Piaggia, togliendolo dalle nebbie del passato e dalle dimenticanze della storia per elevarlo nell’olimpo dei più grandi esploratori dell’Africa, titolo che gli spettava e gli spetta di diritto.

La realizzazione di una statua

Durante la prima presentazione di volumi Piaggia (9 giugno 2017 a Lucca) Lupi presentò anche un busto dell’esploratore  realizzato appositamente per lui dall’amico artista Ranieri Turchi. In quell’occasione propose al sindaco di Capannori Luca Menesini l’opportunità di realizzare una statua commemorativa del grande personaggio.

      

In seguito il comune ha chiesto e ottenuto un finanziamento dalla Fondazione della Cassa di Risparmio di Lucca per aiutarlo nella realizzazione del progetto di una statua dedicata all’esploratore. Di conseguenza è stata costituito una commissione che valutasse e scegliesse il bozzetto migliore tra quelli presentati da differenti artisti:

  • Paolo Bolpagni – Direttore della Fondazione C. L. Ragghianti
  • Mauro Lovi – Architetto ed artista e Membro del Comitato Scientifico della Fondazione C. L. Ragghianti
  • Giorgio Tori – Archivista e Storico
  • Luca Lupi - Autore della grande opera biografica e coordinatore del progetto editoriale “Carlo Piaggia”
  • Claudio Rovai – Membro dell’Organo di Indirizzo della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, storico e saggista
  • Andrea Salani – Comunicazione e storico dell’arte presso la Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca
  • Silvia Vercelli – Architetto

          

Tra i vari bozzetti è stato scelto quello presentato dall’artista Claudia Leporatti e svelato dal Comune di Capannori  il 14 dicembre 2021 in una presentazione pubblica. La statua sarà collocata o – si prevede a giugno 2022 – davanti alla scuola primaria di Capannori, nel centro del capoluogo.

      

Comunicati ufficiali presentazione bozzetto statua:

Comune di Capannori 

Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca 


Condividi

I commenti sono chiusi.